venerdì, Giugno 21, 2024
Home Blog

Aspetti endocrini delle malattie neuromuscolari

L’approccio diagnostico e terapeutico alle malattie neuromuscolari chiede al clinico di valutare diverse condizioni di malattie che vanno oltre il quadro neuromuscolare specifico che ha portato il paziente all’osservazione del neurologo. Tra gli aspetti extraneurologici sono particolarmente frequenti le alterazioni endocrino-metaboliche, che sono in alcuni casi determinate dalle alterazioni genetiche che causano la malattia neuromuscolare come nelle distrofie miotoniche tipo 1 e tipo 2, in cui frequente e spesso precoce è la comparsa di infertilità e ipogonadismo. Inoltre gli studi più recenti dimostrano che il muscolo è caratterizzato da una funzione endocrina, mediata dal rilascio di miokine, la cui integrità è fondamentale per l’omeostasi di altri metabolismi, come quello osseo e quello glucidico. In questa presentazione si illustrano le acquisizioni più recenti relative a tali aspetti nelle più comuni patologie neuromuscolari.



Ipoparatiroidismo: dalla diagnosi alla terapia

L’ipoparatiroidismo cronico è una condizione caratterizzata da una ridotta o assente secrezione di paratormone, con conseguente ipocalcemia e sintomi ad essa correlati. La terapia si basa sull’assunzione di calcio e forma attiva della vitamina D e, in un prossimo. Futuro, del paratormone umano ricombinante che rappresenta l’ultima terapia sostitutiva delle insufficienze ghiandolari endocrine, in Italia ancora mancante.

Presentiamo una completa disamina della patologia dall’epidemiologia, alla distinzione tra la forma primaria e quella secondaria, per arrivare alla corretta diagnosi. La presentazione di casi clinici aiuta a comprendere come il goal sia quello di mantenere il paziente asintomatico nel tempo con l’impostazione della corretta terapia.


Osso e muscolo: effetti dell’ipovitaminosi D

Approccio multidisciplinare alla gestione del paziente osteoporotico sarcopenico


Abaloparatide, trattamento nelle donne con osteoporosi postmenopausale

Abaloparatide, farmaco anabolizzante, è stato approvato per il trattamento delle donne con osteoporosi postmenopausale ad alto rischio di frattura, grazie alla capacità, dimostrata da diversi studi clinici, di ridurre l’incidenza delle fratture vertebrali, non vertebrali, delle fratture cliniche e delle principali fratture osteoporotiche.

Uno studio, pubblicato nel 2024, ha osservato i modelli di trattamento con Abaloparatide, al fine di analizzare l’adesione del paziente alla terapia: sono stati coinvolti 173 pazienti,  donne con osteoporosi postmenopausale, che non avevamo mai utilizzato Abaloparatide.
I dati di follow-up sono stati raccolti per i successivi 24 mesi dalla data di inizio del trattamento.

Risultati

L’esame delle cartelle cliniche dei pazienti coinvolti nello studio ha rivelato che il 96,0% ha avuto almeno una visita per la gestione dell’osteoporosi e il 55,5% ha avuto accesso a gruppi di supporto farmacologico.

La durata media della terapia è stata di 18,6 mesi e il 64,8% dei pazienti hanno completato il trattamento con Abaloparatide come prescritto.

Le ragioni più comuni per l’interruzione del trattamento sono state finanziarie (31,2%) e di tollerabilità (22,8%). Dopo il completamento di un ciclo di trattamento con Abaloparatide, il 50,6% dei pazienti sono passati a un altro farmaco per l’osteoporosi.

Conclusioni

La maggior parte dei pazienti (il 64,8%) ha completato il trattamento con Abaloparatide come prescritto e oltre la metà ha continuato con un agente antiriassorbitivo. Questa condotta favorevole potrebbe essere stata favorita dalle visite di follow-up regolari e dell’accessibilità sia ai farmaci che ai servizi di supporto al paziente.

Lo studio

Gold DT, Beckett T, Deal C, James AL, Mohseni M, McMillan A, Bailey T, Pearman L, Caminis J, Wang Y, Williams SA, Kernaghan JM. Treatment patterns in women with postmenopausal osteoporosis using abaloparatide: a real-world observational study. Osteoporos Int. 2024 Apr 24. doi: 10.1007/s00198-024-07070-z. Epub ahead of print. PMID: 38653862.

Camminare all’aperto, predisposizione genetica e rischio di osteoporosi tra gli anziani

Diversi studi hanno suggerito che la camminata aerobica può offrire benefici per la salute delle ossa, riducendo i marcatori del turnover osseo, prevenendo la perdita ossea e preservando la densità minerale ossea (BMD).

Partendo da queste considerazioni, uno studio cinese pubblicato ad aprile 2024 ha condotto un’analisi prospettica sulla correlazione tra camminata all’aperto e osteoporosi, esaminando anche le potenziali variazioni influenzate dalla suscettibilità genetica all’osteoporosi.

Metodologia e Analisi

I ricercatori hanno coinvolto 24700 partecipanti senza osteoporosi, tra i 63 e i 73 anni di età, con una maggioranza, pari al 51,9%, di donne.
Ai partecipanti è stato raccomandato di camminare almeno per 60 minuti al giorno: in 37,3 mesi sono stati registrati un totale di 4.586 casi di osteoporosi.

L’incidenza dell’osteoporosi per individui con una bassa predisposizione genetica all’osteoporosi ha mostrato una diminuzione sequenziale con l’aumentare della durata della camminata quotidiana all’aperto, suggerendo un’associazione negativa tra la camminata all’aperto e l’incidenza dell’osteoporosi.

Inoltre, gli individui che camminavano all’aperto per più di 60 minuti al giorno tendevano ad avere il rischio complessivo di osteoporosi più basso anche tra quelli ad alto rischio genetico.

Conclusioni

Lo studio ha evidenziato un’associazione significativa tra una maggiore durata della camminata quotidiana all’aperto e un ridotto rischio di osteoporosi tra gli anziani, in particolare tra quelli con una bassa predisposizione genetica all’osteoporosi. Ma la correlazione risulta essere positiva anche tra gli individui con un alto rischio genetico.

Questo studio ha quindi dimostrato una correlazione tra camminare e salute delle ossa: è fondamentale riconoscere, inoltre, che camminare può servire da indicatore per altre attività benefiche e fattori legati allo stile di vita. Pertanto, la camminata può essere incorporata come parte della promozione della salute generale delle ossa, considerando anche ulteriori attività benefiche e fattori legati allo stile di vita, come alimentazione, allenamento di resistenza ed esercizi con pesi, per mantenere in modo efficace la salute ottimale delle ossa.

Lo studio

Yue YS, Liu Y, Lu K, Shi Q, Zhou KX, Li C. Outdoor walking, genetic predisposition, and the risk of incident osteoporosis among older adults: A prospective large population-based cohort study. Osteoporos Int. 2024 May 21. doi: 10.1007/s00198-024-07122-4. Epub ahead of print. PMID: 38771526.

 

L’efficacia del Romosozumab può essere attenuata da fattori correlati all’artrite reumatoide

Nei pazienti con osteoporosi postmenopausa, il Romosozumab ha dimostrato miglioramenti superiori nella densità minerale ossea rispetto ad Alendronato, Teriparatide e Denosumab (DMAb): tuttavia, non è chiaro se il metabolismo osseo alterato a causa dell’artrite reumatoide (AR) potrebbe potenziare o diminuire il effetti del ROMO.

Attraverso una controllo retrospettivo, che ha coinvolto 171 pazienti in postmenopausa, uno studio, pubblicato nel 2024, ha cercato di chiarire l’impatto del Romosozumab in presenza di AR rispetto all’effetto dei farmaco su pazienti con osteoporosi postmenopausale non affetti da AR.

Risultati

Lo studio presenta alcune criticità: in primis, la sua natura retrospettiva potrebbe aver generato bias in ordine alla selezione nelle caratteristiche di base dei pazienti; in secondo luogo, la rilevanza statistica dei risultati potrebbe essere compromessa a causa del numero esiguo di pazienti inclusi.

Nonostante questi aspetti, le evidenze recuperate dall’analisi portano a sostenere che l’efficacia del trattamento ROMO può essere attenuata nei pazienti con RA rispetto al gruppo non RA: si nota una finestra anabolica più stretta nei pazienti con artrite reumatoide, con un conseguente aumento inferiore della densità minerale ossea rispetto ai pazienti senza artrite reumatoide.

Lo studio

Ebina K, Nagayama Y, Kashii M, Tsuboi H, Okamura G, Miyama A, Etani Y, Noguchi T, Hirao M, Miura T, Fukuda Y, Kurihara T, Nakata K, Okada S. An investigation of the differential therapeutic effects of romosozumab on postmenopausal osteoporosis patients with or without rheumatoid arthritis complications: a case-control study. Osteoporos Int. 2024 May;35(5):841-849. doi: 10.1007/s00198-024-07019-2. Epub 2024 Jan 31. PMID: 38296866; PMCID: PMC11031444.

Diabete mellito di tipo 2 incide sulla BMD delle donne con frattura dell’anca

Ipotizzando che i livelli di densità minerale ossea femorale potessero essere più alti nelle donne con diabete mellito di tipo 2 rispetto a donne senza T2DM, alcuni ricercatori hanno provato, attraverso uno studio trasversale, a quantificare la discrepanza della densità minerale ossea associata alla presenza di T2DM.

Sono state coinvolte 751 donne con frattura dell’anca subacuta, e le analisi condotte hanno rilevato una BMD femorale significativamente più alta nelle 111 donne con T2DM rispetto alle 640 senza diabete.
Al contrario, è emersa un’associazione significativa tra l’assenza di T2DM e la prevalenza di bassi livelli di densità minerale ossea femorale.

Lo studio, quindi, ha dimostrato un apparente paradosso nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 (T2DM): la densità minerale ossea (BMD) è da normale ad alto rispetto ai pazienti controllati di pari età senza diabete, ma il rischio di frattura è significativamente aumentato.

La discrepanza tra BMD e rischio di frattura è stata attribuita a diversi meccanismi che influenzano la qualità e la resistenza dell’osso indipendentemente dalla BMD, insieme ad un aumento del rischio di cadute accidentali dovute a complicanze del diabete.

Conclusioni

Emerge una correlazione, nelle donne, tra fratture all’anca e diabete mellito di tipo 2, al quale corrisponde un livello di BMD femorale superiore rispetto alla densità ossea femorale analizzata su donne senza T2DM.

Lo studio

Di Monaco M, Castiglioni C, Bardesono F, Freiburger M, Milano E, Massazza G., Femoral bone mineral density at the time of hip fracture is higher in women with versus without type 2 diabetes mellitus: a cross-sectional study. J Endocrinol Invest. 2024 Jan;47(1):59-66. doi: 10.1007/s40618-023-02122-3. Epub 2023 Jun 10. PMID: 37296371.

Linee guida per la gestione dell’osteoporosi negli uomini

Storicamente, l’osteoporosi è stata vista come una malattia delle donne, ma nel 2023, la European Society for Clinical and Economic Aspects of Osteoporosis, Osteoarthritis and Musculoskeletal Diseases (ESCEO) ha convocato un gruppo di lavoro per affrontare la questione dell’osteoporosi negli uomini.

Il gruppo di lavoro multidisciplinare e internazionale composto da medici (reumatologi, endocrinologi, chirurghi ortopedici), epidemiologi, esperti della sanità pubblica e degli aspetti normativi, provenienti da almeno 18 paesi in tre continenti, ha condotto una revisione completa delle ricerche più recenti relative agli approcci diagnostici e di screening per osteoporosi e il suo elevato rischio di frattura associato negli uomini, copertura carico di malattia, interpretazione appropriata della densitometria ossea e rischio assoluto di frattura, soglie di trattamento, e interventi che possono essere utilizzati a livello terapeutico e per la loro salute valutazione economica.

L’articolo proposto dal gruppo di lavoro presenta un’analisi gli aspetti clinici ed economici dell’osteoporosi, dell’osteoartrite e delle malattie muscoloscheletriche, nonché linee guida per la diagnosi, il monitoraggio e il trattamento dell’osteoporosi maschile.

Gli studi analizzati dimostrano che i farmaci anti-osteoporosi possono apportare benefici sostanziali allo scheletro maschile attraverso l’accumulo di BMD, ma anche attraverso il miglioramento negli esiti delle fratture.
Risulta indispensabile, tuttavia, la cooperazione del paziente, che in molti casi vede l’osteoporosi come una patologia legata al mondo femminile.

Il lavoro futuro dovrebbe affrontare in modo specifico la questione efficacia dei farmaci anti-osteoporosi, tra cui denosumab e terapie per la formazione ossea.

 

Fuggle, N.R., Beaudart, C., Bruyère, O. et al. Evidence-Based Guideline for the management of osteoporosis in menNat Rev Rheumatol 20, 241–251 (2024).

 

.

 

Supplementazione di Calcio e Vitamina D, gli effetti sulle donne in menopausa

Uno studio clinico randomizzato ha analizzato la correlazione, a lungo termine, tra l’integrazione di calcio e vitamina D e la salute delle donne anziane.
Lo studio ha coinvolto 36.282 donne in postmenopausa a cui è stato assegnato in modo casuale la somministrazione integrata di calcio e vitamina D (CaD): l’attività di follow-up, condotta dopo 7 e dopo 20 anni dall’inizio della somministrazione, ha cercato di analizzare i risultati al fine di comprendere se e quale possa essere la correlazione tra l’incidenza di forme tumorali ed effetti a lungo termine a seguito della supplementazione di CaD.

Lo stato di salute è stato documentato nel 93% dei partecipanti alla chiusura dello studio CaD (marzo 2005); di queste, oltre l’86% ha acconsentito ad ulteriori trattamenti e conseguente follow-up.

L’analisi delle informazioni recuperate mostra una riduzione complessiva del 7% della mortalità per cancro, mentre non sembra significativa la correlazione tra integrazione combinata di calcio e vitamina D rispetto ad altre patologie.
La lettura dei risultati del follow-up registra, tuttavia, un aumento del 6% nella mortalità per malattie cardiovascolari: le prove, recuperate nel lungo periodo, evidenziano che gli integratori di calcio possono aumentare la calcificazione delle arterie coronarie, aumentando così la mortalità CVD.
La più elevata mortalità per malattie cardiovascolari emersa nel follow-up più lungo, se attribuibile alla supplementazione di CaD, suggerisce che la malattia può manifestarsi solo dopo un periodo prolungato ed è dovuta all’integrazione con il calcio: la sola supplementazione di Vitamina D non è associata al rischio CVD (Barbarawi M, Kheiri B, Zayed Y, et al. Vitamin D supplementation and cardiovascular disease risks in more than 83 000 individuals in 21 randomized clinical trials: ameta-analysis. JAMA Cardiol. 2019).

Conclusioni

Integratori di calcio e vitamina D sembrano ridurre la mortalità per cancro, mentre non sembra significativa l’incidenza sulla mortalità per altre cause. Il follow-up, tuttavia, mostra che dopo 20 anni la mortalità per malattie cardiovascolari per donne in postmenopausa registra un aumento del rischio parti al 6%. 

In conclusione, quindi, queste analisi suggeriscono la possibilità di riduzione della mortalità per cancro tra le donne in postmenopausa a seguito dell’integrazione di CaD, come così come la possibilità di un aumento della mortalità per malattie cardiovascolari senza alcun effetto netto sulla mortalità per tutte le cause.
Tuttavia, anche per la natura dello studio, emerge una non facile lettura dei benefici aggiuntivi o dei danni dell’integrazione con CaD in combinazione rispetto alla sola supplementazione di vitamina D, rendendo necessari approfondimenti futuri.

Thomson CA, Aragaki AK, Prentice RL, Stefanick ML, Manson JE, Wactawski-Wende J, Watts NB, Van Horn L, Shikany JM, Rohan TE, Lane DS, Wild RA, Robles-Morales R, Shadyab AH, Saquib N, Cauley J. Long-Term Effect of Randomization to Calcium and Vitamin D Supplementation on Health in Older Women: Postintervention Follow-up of a Randomized Clinical Trial. Ann Intern Med. 2024 Apr;177(4):428-438. doi: 10.7326/M23-2598. Epub 2024 Mar 12. PMID: 38467003.

Algodistrofia, terapie attuali e future

Il dott. Massimo Varenna, Responsabile U.O. Centro Diagnosi e Terapie Patologiche Osteometaboliche dell’Istituto Ortopedico Pini di Milano, riassume le principali caratteristiche cliniche dell’algodistrofia e fa luce sui risultati a lungo termine e sulle prospettive future di trattamento con il neridronato.

Caratteristiche cliniche delle PMT che inducono l’osteomalacia indotta da tumore

Una revisione sistematica dell’analisi dei dati della letteratura medica in Google Scholar, Google book e Medline, condotta a marzo 2023, ha confrontato le caratteristiche cliniche delle PMT benigne e maligne che inducono TIO.

La ricerca si è concentrata su termini quali “osteomalacia indotta da tumore”, “osteomalacia oncogenica”, “ipofosfatemia”, includendo casi clinici, casi serie e articoli di revisione: sono stati raccolti dati da 837 pazienti con TIO in cui era stata specificata la diagnosi di PMT benigna e maligna. Di di questi, 89 erano affetti da PMT maligna e 748 da PMT benigna.

Risultati

I pazienti con PMT maligni erano più giovani e presentavano dolore osseo, compromissione funzionale e deformità ossee più frequentemente. Le PMT maligne hanno mostrato valori più alti di FGF23 intatto e più alti tasso di mortalità.

I risultati dello studio identificano le caratteristiche cliniche dei pazienti con TIO maligno, consentendone l’identificazione precoce dei pazienti con PMT ad aumentato rischio di malignità. Ciò potrebbe migliorare significativamente l’approccio diagnostico alla malattia.

Sono tuttavia obbligatori studi sperimentali per chiarire il ruolo di FGF23 nella patogenesi della malignità nelle PMT.

Conclusoni

Lo studio sottolinea l’importanza della valutazione clinica nei pazienti affetti da TIO, per prevedere il grado di malignità di una condizione fino ad oggi descritta come benigna. Questa valutazione può essere fatta anche prima della diagnosi radiologica, che rimane comunque essenziale per trovare il tumore causale, ma questa può rivelarsi complicata a causa delle limitate risorse disponibili nella maggior parte dei centri nel mondo. Un simile approccio fornisce anche una prognosi più accurata per questi pazienti che può suggerire un trattamento radicale quando possibile. Inoltre, la localizzazione preferenziale delle metastasi polmonari suggerisce un follow-up ravvicinato focalizzato su tale tessuto bersaglio.

Veronica Abate, Anita Vergatti, Gianpaolo De Filippo, Vincenzo Damiano, Ciro Menale,
Lanfranco D’Elia, and Domenico Rendina; Clinical Characteristics of Malignant Phosphaturic Mesenchymal Tumor Causing Tumor-Induced Osteomalacia; The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 2024

Trattamento sulla densità minerale ossea: Romosozumab versus Denosumab

Uno studio della durata di un anno ha indagato gli effetti del trattamento con Romosozumab rispetto al trattamento con Denosumab sulla densità minerale ossea (BMD), sull’attività della malattia e sulla salute articolare di pazienti con artrite reumatoide e osteoporosi grave.

Lo studio

L’outcome primario dello studio era la variazione rispetto al basale nella BMD della colonna lombare, dell’anca totale e del collo femorale a 12 mesi a seguito del trattamento con uno dei due farmaci. Secondariamente, lo studio ha indicato la frequenza delle fratture cliniche, il cambiamento nell’attività della malattia e il danno articolare.

Sono state arruolate 50 pazienti in postmenopausa, da maggio 2019 a marzo 2020, e randomizzate equamente in due gruppi per ricevere Romosozumab o Denosumab. I due gruppi sono stati confrontati utilizzando il Wilcoxon test della somma dei ranghi e test esatto di Fisher (a seconda dei casi) per le seguenti variabili: età, indice di massa corporea, uso di farmaci.

Risultati e conclusioni

Lo studio ha rivelato che sia Romosozumab sia Denosumab aumentano significativamente la densità minerale ossea della colonna lombare, dell’anca e del collo del femore nei pazienti con artrite reumatoide con grave osteoporosi e che il miglioramento più significativo interessa la zona lombare.

I risultati, quindi, suggeriscono che il trattamento con Romosozumab è più efficace nell’aumentare la densità minerale ossea a livello della colonna lombare rispetto a Denosumab e potrebbe essere indicato per i pazienti che richiedono un aumento significativo della BMD della colonna lombare e sono più soggetti a fratture.

Non  è stata osservata una differenza nell’attività della malattia e nel danno articolare tra i trattamenti Romosozumab e Denosumab nei pazienti con artrite reumatoide.
In particolare, il trattamento con Romosozumab potrebbe non avere alcun effetto sull’attività della malattia e sul danno articolare nei pazienti con artrite reumatoide che erano relativamente ben controllati.

Tuttavia, studi più ampi sono necessari per supportare l’uso clinico sia di Romosozumab che di Denosumab per il trattamento dell’osteoporosi grave nei pazienti con artrite reumatoide.

 

Takeshi Mochizukia, Koichiro Yanob, Katsunori Ikarib,c, Ryo Hiroshimaa and Ken Okazakib (June 2022), Comparison of romosozumab versus denosumab treatment on bone mineral density after 1 year in rheumatoid arthritis patients with severe osteoporosis: A randomized clinical pilot study, Japan College of Rheumatology 2022. Published by Oxford University Press.

The bone identity | IV congresso BoneHealth

0

Con l’obiettivo di fornire ai partecipanti nuove conoscenze in alcuni setting clinici della patologia del metabolismo osseo, si è tenuto il 23 marzo nella suggestiva cornice dell’Enterprise Hotel di Milano la quarta edizione del Congresso “The bone Identity” organizzato da BoneHealth.

Il congresso è diventato ormai un appuntamento fisso per i bone specialist che anche quest’anno hanno partecipano numerosi alla giornata di studio: la presenza di oltre 120 discenti presenti in sala ha decretato l’affermazione dell’appuntamento.

La giornata congressuale

Fitto il programma congressuale che ha visto l’alternarsi sul palco di 23 docenti coordinati dai responsabili scientifici, Gregorio Guabello (Ambulatorio di Endocrinologia, IRCCS Ospedale Galeazzi-Sant’Ambrogio, Milano) e Matteo Longhi (SC Reumatologia, ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, Milano).

Il congresso è iniziato con la sessione moderata da Marina Baldini e Fabio Massimo Ulivieri dedicata alla densitometria ossea: la Moc, consentendo di determinare la densità minerale dell’osso, è uno esame strumentale per diagnosticare non solamente l’ostoporosi, ma anche l’osteosclerosi. Maurizio Rondinelli, Luigi Sinigaglia e Gregorio Guabello hanno preso in rassegna le possibili cause di un’elevata BMD, descritto le forme congenite e le forme acquisite di osteosclerosi e illustrato la flow-chart diagnostica.

Di patologie osteometaboliche relate ad alterazione della fosforemia si è parlato nella seconda sessione, moderata da Luisella Cianferotti, con le relazioni di Elisa Cairoli, che ha parlato di osteomalacia oncogenica (TIO); di Sabrina Corbetta, che ha illustrato patogenesi e diagnosi del rachitismo ipofosforemico X-linked (XLH), della necessità di una gestione multidisciplinare e di efficacia e sicurezza di borosumab per il trattamento di tale patologia; e di Giovanna Mantovani che ha parlato di iperfosforemie, con focus particolare su pseudoipoparatiroidismo e calcinosi tumorale familiare.

Matteo Longhi e Oscar Massimiliano Epis hanno quindi moderato la sessione dedicata alle osteoporosi regionali a genesi vascolare, con gli interventi di Francesca Zucchi su osteonecrosi asettica della testa del femore e di Massimo Varenna sulla sindrome algodistrofica tipo 1 per la quale il neridronato ha dimostrato di possedere un profilo d’efficacia in grado di indurre un miglioramento definitivo e permanente della sintomatologia dolorosa e delle altre manifestazioni cliniche di malattia.

Di forme rare di osteoporosi nel paziente giovane adulto si è discusso durante la quarta sessione, moderata da Marco Bonomi e da Salvatore Minisola. Jessica Pepe ha affrontato l’argomento dell’osteoporosi nelle donne in premenopausa; Silvia Federici di esaurimento precoce della funzione ovarica sotto i 40 anni (Prematuy ovarian insufficiency – POI), delle relative complicanze scheletriche e delle possibili terapie; Vincenzo Rochira di deficit di aromatasi negli uomini.

La lettura di Andrea Giusti è stata dedicata alla terapia anabolizzante nell’osteoporosi post-menopausale, tema di grande attualità perché nel corso di quest’anno sarà reso disponibile anche in Italia il nuovo farmaco anabolico abaloparatide.

A conclusione della giornata, sono stati analizzati tre studi clinici relativi a patologie rare, ma non di così infrequente riscontro nella pratica clinica: ipogonadismo ipogonadotropo congenito isolato (a cura di Luca Giovanelli), iperostosi, con un focus sulla sindrome Sapho (a cura di Giulia Segatto) e tumor induced osteomalacia (a cura di Clizia Gagliardi).

 

0FansLike
388FollowersFollow
957FollowersFollow
5,218SubscribersSubscribe